Ritratti di Venezia: i quadri dei grandi artisti che hanno celebrato la Serenissima

Se penso a Venezia, l’immagine che mi viene in mente è quella di una bellissima città invisibile, sospesa per magia sulla laguna, in una commistione unica tra acqua e pietra. Allo stesso tempo, mi rendo conto di come forse oggi risulti difficile cogliere la sottile atmosfera che immagino osservandola da turisti, perduti nella folla e imbottigliati tra i negozietti di souvenir.

Credo che questo sia il destino di molte delle più belle e note città, ma con Venezia abbiamo una fortuna in più: esistono numerosi grandi artisti che hanno cercato di riprodurre il suo fascino ed il suo mistero, quindi cosa aspettiamo? Facciamoci guidare da loro senza ulteriore indugio, alla scoperta della bellezza segreta e intima che non sempre si riesce a scorgere dal vivo!

Canaletto

Canaletto, 1697-1768; The Doge's Palace and Riva degli Schiavoni, Venice
Canaletto, Palazzo Ducale e la Riva degli Schiavoni, Venezia.

Non potevo che cominciare da Giovanni Antonio Canal, il vedutista che non finisce mai di incantarci nella celebrazione dei fasti della Serenissima. Scegliere alcune opere da riproporre in questo articolo è difficilissimo, perché questo artista riproduce la sua città in molteplici maniere, tutte degne di nota.

Adoro le geometrie monumentali delle sue cupole e la luce che individua sempre un confine netto tra sole e ombra, bellissimo e perfetto.

 


Joseph Mallord William Turner

Joseph_Mallord_William_Turner_Braccio superiore del Canal Grande con San Simeone Piccolo
Joseph Mallord William Turner, Braccio superiore del Canal Grande con San Simeone Piccolo.

Quella di Turner è una Venezia trasparente. Come ormai saprete io amo questo artista ed i suoi acquerelli veneziani (ne ho parlato qui, se siete curiosi: Un atto d’amore per Joseph Mallord William Turner), ma qui ho voluto proporre anche qualche stupenda e dettagliata tela ad olio.

Credo che ci sia qualcosa di magico nelle sue opere e nel modo in cui l’orizzonte si fonde con il cielo in un’impercettibile susseguirsi di sfumature delicate, frammentate da vigorose pennellate.

 


Claude Monet

Monet_Claude_la-chiesa-di-san-giorgio-maggiore-al-tramonto
Claude Monet, la chiesa di San Giorgio Maggiore al tramonto.

Anche gli impressionisti non riescono a resistere al fascino della luminosa Venezia, costituita per loro da luce e riflessi.

Claude Monet la visita e la celebra nel 1908 con una serie di opere che trovo molto interessanti e significative, dominate da una attenta scelta di colori armoniosi eppure vivaci, accostati a creare suggestivi effetti di ombra e di acqua.

 


Pierre Auguste Renoir

Pierre_Auguste_Renoir_palazzo_ducale_venezia
Pierre Auguste Renoir, Palazzo Ducale a Venezia.

Ed ecco ora un altro impressionista affascinato da Venezia: Pierre Auguste Renoir la ritrae più volte, utilizzando le tinte che più gli sono congegnali ed il suo modo di dipingere che dà al lettore l’impressione di smarrirsi in un ricordo.

 


Paul Signac

 

Persino per il puntinista Paul Signac Venezia è una fonte di ispirazione e diventa protagonista di due quadri dominati dalla presenza delle laguna e dalle luci dell’alba e del tramonto.


John Singer Sargent

John_Singer_Sargent_leaving-church-campo-san-canciano-venice
John Singer Sargent, Lasciando la chiesa, Campo San Canciano.

Ed ecco ora l’interessante testimonianza di un americano, John Singer Sargent (per saperne di più ecco la pagina di wikipedia dedicata a lui), artista cresciuto nelle più belle città europee e sin dall’infanzia affascinato dalla bella Venezia.

Quello che apprezzo delle sue opere è il modo che ha di ritrarre anche gli angoli meno monumentali della Serenissima, in cui traspare quella che era la quotidianità, raramente raccontata da altri artisti.

 


Umberto Boccioni

Umberto_boccioni-il_canal_grande_a_venezia
Umberto Boccioni, il Canal Grande a Venezia

Anche un giovane Umberto Boccioni, prima dell’esplosione del futurismo, ci descrive il Canal Grande a Venezia con una tela che personalmente trovo poco convenzionale e interessante nella sua composizione,


Vassily Kandinsky

 

Dovrebbero esistere quattro opere dedicate a Venezia e realizzate da Vassily Kandinsky in occasione di un suo soggiorno in questa città, ma purtroppo sono riuscita a trovarne soltanto due.

Vorrà dire che ci accontenteremo, anche perché devo dire che sono bastate ad incuriosirmi. Avete notato che belli sono i riflessi disegnati dal futuro maestro dell’astrattismo?


Oskar Kokoschka

 

 

Devo ammettere che Kokoschka non riesce a convincermi quasi mai: lo trovo spesso confusionario e più concentrato sul risultato che sul gesto creativo, però ho pensato che potesse essere un finale un po’ inaspettato. Che ve ne pare? Non si può certo dire che la sua sia una vista banale della Serenissima, vi conquista o vi lascia sbigottiti?


In conclusione, vi è piaciuta questa piccola galleria? Chi sono i vostri preferiti? Vi viene in mente qualcuno che posso avere dimenticato?

SalvaSalva

SalvaSalvaSalvaSalva

Annunci

8 thoughts on “Ritratti di Venezia: i quadri dei grandi artisti che hanno celebrato la Serenissima

  1. Menti Vagabonde 4 luglio 2017 / 0:20

    Belli belli belli, noi abbiamo visto di Monet: San Giorgio Maggiore al crepuscolo. Ecco perché fatichiamo ad apprezzare pienamente l’arte moderna, nonostante l’ultima mostra visitata alla GAM

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...