Perché Munch ha dipinto un quadro “brutto” come l’Urlo?

Edvard Munch, L'Urlo.
Edvard Munch, L’Urlo.

Siamo onesti: se ci limitiamo a guardare la tecnica, la composizione e la qualità del tratto non possiamo certo definire L’Urlo di Edvard Munch quel grande capolavoro che i libri d’arte sostengono che sia.

Le pennellate sono grossolane e impulsive, i colori irreali e la prospettiva quasi deformata, per non parlare del volto che sembra una sorta di caricatura abbozzata. 

Allora, in tema di elogio alla curiosità, il perché di oggi è proprio questo.


Perché quest’opera ha un immenso valore? Cosa la rende così importante?

Per capire davvero la grandezza dell’Urlo bisogna fare un salto in avanti oppure, come piace dire a me, un tuffo oltre la linea d’ombra. È necessario oltrepassare i limiti dell’estetica e del gusto, comprendere la rivoluzione causata da un quadro del genere nel panorama pittorico di fine Ottocento (per la precisione nel 1893).  Edvard Munch infatti riesce a portare la pittura ad un livello personale, a tradurre in pennellate e colore quelli che per lui sono dei sentimenti intimi.

Facciamo un esperimento per immedesimarci: non avete mai provato la sensazione di non poterne più, di odiare tutto o di essere soffocati dal mondo esterno che nonostante tutto va avanti senza fare una piega, senza ascoltare la nostra pena?

Ecco, io credo che questo quadro esprima esattamente questa sensazione. Esprime la profonda sofferenza di un uomo solo e tormentato che non riesce più a tollerare l’indifferenza dell’universo intorno a lui. Le coppie felici vanno a passeggio senza vederlo, il sole tramonta sciogliendosi nell’acqua come tutte le sere nell’estate del Nord Europa. Allora l’uomo solitario è assordato e schiacciato dal frastuono della natura, tanto infelice da tradurre il tutto in un urlo senza fine.

Per completare il quadro (in tutti sensi), vi lascio le parole riportate dallo stesso Edvard Munch su un diario come descrizione dell’Urlo.

Una serata piacevole, con il bel tempo, insieme a due amici all’ora del tramonto. […] Cosa mai avrebbe potuto succedere? Il sole stava calando sul fiordo, le nuvole erano color rosso sangue. Improvvisamente, ho sentito un urlo che attraversava la natura. Un grido forte, terribile, acuto, che mi è entrato in testa, come una frustata. D’improvviso l’atmosfera serena si è fatta angosciante, simile a una stretta soffocante: tutti i colori del cielo mi sono sembrati stravolti, irreali, violentissimi. […]

Anch’io mi sono messo a gridare, tappandomi le orecchie, e mi sono sentito un pupazzo, fatto solo di occhi e di bocca, senza corpo, senza peso, senza volontà, se non quella di urlare, urlare, urlare… Ma nessuno mi stava ascoltando: ho capito che dovevo gridare attraverso la pittura, e allora ho dipinto le nuvole come se fossero cariche di sangue, ho fatto urlare i colori. Non mi riconoscete, ma quell’uomo sono io.


Per concludere, vi dirò che a me per tutte queste ragioni l’Urlo di Munch piace, perché trovo che incarni qualcosa di universale, una sorta di specchio della fragilità e della debolezza della natura umana. Mi trovo vicina a questo artista, forse perché riesco a interpretare le sue pennellate o forse perché sono sempre affascinata dalla strada più difficile e dalle immagini più complesse.

Non mi accontento di bei colori sulla tela, la mia curiosità mi spinge sempre a cercare oltre. Spero che non penserete che sia pazza e nel frattempo vi aspetto prossimamente per un nuovo perché. 😉

Annunci

7 thoughts on “Perché Munch ha dipinto un quadro “brutto” come l’Urlo?

  1. Aldievel 13 novembre 2015 / 8:56

    Probabilmente è già stato detto da molti. Per me è uno dei quadri che meglio rappresenta il disagio psichico e, in qualche modo, la follia.
    Guardandolo meglio, come giustamente hai detto, può essere anche visto come una rappresentazione molto contemporanea della solitudine, dell’isolamento creato dalla società.
    Grazie per le suggestioni!

    Liked by 1 persona

      • Donato 15 novembre 2015 / 11:20

        In generale Munch è tra i miei pittori preferiti.. Oltre all’Urlo ha dipinto altre opere cariche di inquietudine e angoscia. Basti pensare agli avvenimenti tragici capitati nella sua vita che hanno lasciato un segno indelebile nel suo animo e mi riferisco soprattutto alla morte della sorella.

        Liked by 1 persona

      • La linea d'ombra 15 novembre 2015 / 11:37

        Sono d’accordo con te, anche a me piace proprio per quello che trasmette… E davvero è anche tra i miei preferiti!

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...