L’inanimato prende vita grazie all’impareggiabile maestria di Gian Lorenzo Bernini. Il Ratto di Proserpina alla Galleria Borghese è la massima espressione del Barocco italiano.