La tempesta sta arrivando: storia di una fotografia

sottile-linea-d-ombra

Quando ho scelto di aprire questo blog non ho avuto il minimo dubbio sull’immagine che avrei scelto come simbolo, come personificazione di quella che per me è la sottile linea d’ombra.

Eppure non rappresenta niente di ciò di cui parlo, non è né arte né architettura. È un paesaggio fatto di oceano e cielo che mi fa intravedere quell’intensità che riescono ad avere i temporali al nord. 

Sono passati poco più di quattro anni ormai da quando mia sorella ed io abbiamo avuto la brillante idea di campeggiare sopra il circolo polare artico e per la precisione sulle norvegesi isole Lofoten, un angolo di paradiso sperduto nel nostro povero mondo. Quello riportato nella foto è stato il panorama che ci ha dato il benvenuto la prima sera sull’arcipelago, un’enorme nuvola carica di pioggia che velocissima si è divorata il cielo fino a un attimo prima azzurrissimo. 

A parte la sua storia che ha valore soltanto per noi due, quello che mi incanta di questo scatto è la netta divisione tra la luce e la tenebra. Ma perché sceglierla come simbolo?

Non si tratta soltanto di una questione di gusto o di estetica: per me il confine tra le nubi e il sereno simboleggia niente meno che la sottile linea d’ombra, il tuffo nel buio, nell’ignoto e nel difficile, quel salto che porterà ad un cielo più sereno, che permetterà di vedere il mondo con occhi più nuovi e più consapevoli. 

Mi ricorda che non siamo su questa terra per rovinare tutto, anche se sicuramente è la scelta più semplice: quello che dovremmo fare è prendere coscienza di ciò che nonostante tutto rende l’uomo grande e dargli spazio. Dovremmo riuscire a scegliere la bellezza, a superare la linea d’ombra costituita da tutte le immagini che ci vengono propinate ogni giorno e ad arrivare alla magia che regola le cose, a quello sprazzo di eternità che è visibile anche per mezzo dell’arte.

Mi sono allontanata dalla fotografia di cui avrei voluto parlare di più, ma in realtà mi sento ancora vicina, perché per me è il ricordo di un grande viaggio compiuto prima di tutto alla ricerca della bellezza. In conclusione, perdonate questo articolo un po’ sconclusionato; spero almeno di essere riuscita ad esprimere quello che ho in testa.

Advertisements

9 thoughts on “La tempesta sta arrivando: storia di una fotografia

  1. enricogarrou 15 ottobre 2015 / 14:27

    Incantato da quanto scrivi, è vero si dovrebbe arrivare alla magia che regolale cose, ad apprezzare l’infinita bellezza che questo mondo ci regala. Ma ormai siao in pochi ad alzare gli occhi al cielo di sera per ammirare le stelle. Anche io sono stato alle Lofoten e mi porto nel cuore immagini di infinita bellezza. Un abbraccio grande.

    Liked by 1 persona

    • La linea d'ombra 16 ottobre 2015 / 0:05

      Le Lofoten sono davvero un posto incredibile! In ogni caso grazie mille per la tua opinione, vedo che non sono la sola a pensarla così…A presto!

      Liked by 1 persona

  2. UGS Wedding by Karina e Serena 15 ottobre 2015 / 15:41

    Molto interessante; spesso una fotografia non è “solo” una fotografia, anzi la maggior parte delle volte non lo è, ci sono significati e pensieri dietro uno scatto. Grazie per averli condivisi, non è sempre facile riuscire a raccontare quello che la nostra mente ed il cuore provano.

    Liked by 1 persona

  3. donato 15 ottobre 2015 / 22:23

    Che bello fotografare un paesaggio “divorato” da nubi temporalesche.. Il confine tra luce e ombra è un’attrazione troppo forte.. Probabilmente è la nostra innata curiosità a spingerci verso quel limite..

    Liked by 1 persona

  4. pezzuti alfredo 3 gennaio 2016 / 18:51

    Vedendo questa foto si ha subito paura dell’ignoto,di quello che potrà accadere di li a poco.Invece leggendo la tua riflessione si ha la giusta percezione della verità che esprime la natura.La foto è bellissima ed anche l’appellativo.Auguri per il nuovo anno e delle cose belle che ci regalerete Alfredo

    Mi piace

    • La linea d'ombra 8 gennaio 2016 / 0:09

      Nel blog intendi? Dovrei avere configurato un fortore che scompare se si accetta o se si scorre la pagina…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...