Isole Azzorre, dove esiste un faro che guarda soltanto le rocce

Una volta ho visto un faro che, anziché affacciarsi sull’oceano sterminato dritto e fiero come ci si aspetterebbe, indicava la terraferma a niente più che un promontorio di rocce vulcaniche e friabili.

Arianna Senore, Faial

Ero sulla isole Azzorre insieme al mio adorato compagno di viaggio, per la precisione ci trovavamo sull’estremo ovest dell’isola di Faial, proprio in mezzo all’Atlantico, a metà strada tra l’Europa e l’America, circondati dalla vegetazione tropicale e da un mondo assolutamente selvaggio.

Sulla punta del Capelhinos si erge quello che secondo me è un monito eterno dell’incredibile potere che la natura ha su noi umani che cerchiamo di addomesticarla. Il secolare faro che ha indicato il riparo sicuro e migliaia di pirati e viaggiatori è stato reso inutile circa cinquant’anni fa da un’eruzione vulcanica così forte da aggiungere un nuovo miglio quadrato all’isola, proprio davanti al monumentale edificio.

Da vedere è un vero spettacolo, con il promontorio ricoperto dai detriti anziché dalle onde. Si può camminare in questo paesaggio lunare sino a perdersi o finire a strapiombo sull’oceano, meravigliandosi per la bellezza aspra di come doveva essere il nostro pianeta al principio, prima della vegetazione e della formazione della crosta terrestre.

Arianna Senore, Faial

A volte però ripensare al faro del Capelinhos mi fa spaventare. Mi fa pensare che forse un giorno anche io sarò accecata dalle polveri esplosive di qualcosa di nuovo ed effimero, tanto da perdere la vista sull’oceano infinito, bellissimo e immutabile. E magari la causa non sarà un evento catastrofico, ma soltanto una qualche coltre di fumo inconsistente e insignificante.

Ma solitamente preferisco sorridere osservando le fantastiche pietre laviche pesantissime che mi sono portata a spalle da Faial fino a casa, insieme ad un germoglio di fucsia che  purtroppo non sono riuscita a trapiantare in Italia.

Advertisements

11 thoughts on “Isole Azzorre, dove esiste un faro che guarda soltanto le rocce

  1. francescagoti 3 febbraio 2015 / 19:03

    Bello ed inquietante il faro fra le rocce. Secondo me ogni tanto farsi accecare dalla luce fa bene, aiuta a vedere le cose (dopo) in modo diverso.

    ps amo le fucsie

    Mi piace

    • La linea d'ombra 3 febbraio 2015 / 23:12

      Basta che poi si ritorni a vedere con chiarezza…
      Comunque anche io adoro le fucsie, lì ne avevo trovata una varietà che chiamano “orecchini della regina” ed era fantastica…Ma 24 ore per aeroporti sono state deleterie purtroppo!

      Liked by 1 persona

  2. raffrag 3 febbraio 2015 / 22:27

    Portarsi dietro dai viaggi delle piante come ricordo è una bella idea. A casa ho ciclamino, narciso, pungitopo, yucca, croco, pancrazio, tutti ricordi dei miei viaggi o delle mie passeggiate non lontano da casa. E con essi il ricordo dei tempi andati. Ciao.

    Mi piace

    • La linea d'ombra 3 febbraio 2015 / 23:13

      Che meraviglia, io purtroppo questa volta non ho avuto fortuna, anche se credo che coltiverò questa abitudine!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...