In questa fase il panorama viennese è dominato da due titani, Otto Wagner da una parte e Adolf Loos in direzione ostinata e contraria, annoverato tra i maestri dell’architettura contemporanea.