I miei buoni motivi per amare Gustave Caillebotte e la sua Parigi luminosa

Della Parigi incantata e maledetta, spietata musa ispiratrice, abbiamo già parlato in passato, ve ne ricordate?

Un esempio è sicuramente questo post: Ritratti di Parigi: i quadri che meglio rappresentano la città dei lumi), ma anche se ve lo foste perso scommetto che se vi citassi Montmartre e il Moulin Rouge vi verrebbero subito in mente alcuni artisti che tutti consideriamo i grandi protagonisti dell’epoca: Modigliani (di cui ho parlato qui: I miei buoni motivi per amare Amedeo Modigliani e la sua commovente vita da ribelle), il primo Picasso, Henri de Toulouse-Lautrec (di cui ho parlato qui: Tre motivi per amare Henri de Toulouse-Lautrec) e prima di loro gli impressionisti.

caillebotte-rue-halevy-seen-from-the-sixth-floor
Gustave Caillebotte, Rue Halevy vista dal sesto piano.

Se invece vi chiedessi di pensare alle opere che riguardano principalmente gli immensi Boulevards e la vita sfavillante dei quartieri benestanti e illuminati, verrebbe subito in mente anche a voi Gustave Caillebotte (1848-1894)?

Tra tutti quelli che ho citato forse non è la figura più romantica e romanzesca, però credo che ci siano delle cose da sapere per avvicinarsi a lui e comprenderlo a fondo. Premesso questo, ho provato ad elencarle qui di seguito.


La luce bianca e i soggetti: una diversa interpretazione dell’impressionismo

caillebotte-raschiatori-parquet
Gustave Caillebotte, i raschiatori del parquet.

Il primo motivo per amare Gustave Caillebotte secondo me è la sua originale interpretazione dell’impressionismo, che conduce spesso ad opere più dettagliate rispetto a quelle dei suoi colleghi e all’utilizzo di una tavolozza meno ricca, in cui il bianco ha un ruolo predominante. La luce per lui non si declina nei mille colori degli elementi che tocca, ma al contrario si mantiene di un candore perfetto.

Caillebotte, figlio di un imprenditore di successo e destinato a condurre una vita agiata, si differenzia in questo da molti degli artisti che si ritrovavano a Parigi in cerca di fortuna e questo aspetto emerge chiaramente nella scelta dei soggetti. Lui non ci racconta delle notti folli e degli eccessi, ma piuttosto della bellezza della città in cui vive, del progresso e della sua natura borghese.

Diciamo che a Montmartre preferisce i Boulevards Haussmanniani, e dunque assume per noi un ruolo importante di testimonianza di quello che poteva essere il mondo per chi aveva la fortuna di essere benestante o per lo meno tradizionalmente inserito nella società.


Il ruolo di mecenate e promotore

caillebotte-boulevard-haussmann-nella-neve
Gustave Caillebotte, Boulevard Haussmann nella neve.

Uno degli aspetti che preferisco di Gustave Caillebotte è inoltre il suo ruolo all’interno del gruppo impressionista.

Innanzitutto la sua ricchezza personale gli permette di acquistare molte opere dei suoi colleghi ed amici, finanziandone di fatto sia il lavoro sia le successive esposizioni (dal 1879 sino alla trasferta a New York del 1885).

Cerca poi nel corso degli anni di tenere unito il gruppo impressionista, sempre diviso da gelosie e altre fonti di litigio, fino a quando, deluso, decide di abbandonare la pittura per dedicarsi alla navigazione (che praticava spesso con il fratello) e al giardinaggio nei suoi appezzamenti parigini.


La triste sorte

caillebotte-autoritratto
Gustave Caillebotte, Autoritratto.

Come purtroppo accade un po’ troppo spesso agli artisti, anche Gustave Caillebotte è destinato a morire anzitempo: si spegne infatti nel 1894, a soli quarantasei anni.

In seguito a questo evento, è significativo scoprire quello che hanno detto di lui gli amici e colleghi del mondo dell’arte:

Ecco una persona che possiamo rimpiangere, è stato buono e generoso e, ciò che non guasta, un pittore di talento. (Camille Pissarro)

Aveva tanti doni naturali quanto buoni sentimenti e, quando l’abbiamo perso, era appena all’inizio della sua carriera. (Claude Monet)


Avete scoperto qualcosa di nuovo su Gustave Caillebotte? Spero proprio di sì e voglio concludere questo piccolo articolo con una bella galleria delle sue opere, soprattutto di quelle parigine, per celebrare al meglio questo artista forse non abbastanza noto e celebrato. Qual è la vostra preferita? Io vi confesso che subisco da sempre il fascino dei tetti 😉

Annunci

Storie d’inverno: il gelo e la neve attraverso gli occhi dei grandi artisti

caspar-david-friedrich-Monastery-Graveyard-in-the-Snow
Caspar David Friedrich, Cimitero del monastero nella neve.

Avete presente la luce incredibile delle mattine di dicembre, fredda e azzurrina, che rende le ombre più vivide e i raggi del sole più dorati?

Se l’autunno è la stagione in cui i colori esplodono, l’inverno è il momento in cui il mondo si fa più monocromatico, sia per la neve che ricopre tutto sia, in generale, per la vegetazione addormentata fino a primavera.

Credo che chi dipinge sarà d’accordo con me nel dire che riprodurre sulla tela le tinte tenui ma pure di questo periodo dell’anno è una sfida ardua, soprattutto se si vuole cogliere la sfumatura vivida del sole invernale ed evitare l’effetto cartolina di Natale.

Riflettendo su questo, mi sono chiesa quali siano i quadri dei grandi artisti che meglio esprimono, a mio parere, lo spirito di questa stagione. Ecco, qui vorrei pubblicare una galleria che raccolga un po’ di quelli che mi sono venuti in mente.


Caspar David Friedrich

Come insegnano per primi i Romantici, l’inverno può essere anche uno stato d’animo. Così, ho scelto di iniziare questa galleria con un paio di opere di Friedrich, un uomo che ha dedicato la sua ricerca pittorica alla rappresentazione della natura, specialmente nelle sue accezioni più estreme. (Per gli interessati, ecco un altro articolo su di lui: Le luci del Nord Europa: Munch contro Friedrich)

friedrich-caspar-david-winter-landscape
Caspar David Friedrich, Winter landscape.
DAVID CASPAR FRIEDRICH-Querce nella neve
Caspar David Friedrich, Querce nella neve.

Impressionisti

Dopo il romanticismo, devo ammettere che uno dei movimenti che ha saputo rappresentare al meglio i paesaggi invernali con i loro splendidi colori è sicuramente l’impressionismo. E quella che segue è la selezione delle mie opere preferite.

Claude Monet

Per primo cito Monet, un artista così bravo da rendere vana ogni parola, dal momento che i suoi dipinti si commentano da soli.

claude monet-floating-ice-on-the-seine
Claude Monet, ghiaccio sulla Senna.
Claude-Monet-la-gazza
Claude Monet, la gazza.
Alfred Sisley

Per secondo ecco Sisley: non trovate anche voi una certa familiarità nei suoi soggetti? Questo dipinto, ad esempio, mi sembra il lontano ricordo di qualcosa che ho vissuto.

alfred-sisley-the-seine-at-bougival-in-winter-1872
Alfred Sisley, La Senna a Bougival in inverno.
Gustave Caillebotte

Caillebotte merita, a mio parere, di essere citato perché mostra quello che è l’inverno nelle grandi città, sicuramente meno luminoso e più ingrigito dal fumo dei camini.

caillebotte-tetti
Gustave Caillebotte, tetti.

Vincent Van Gogh

Anche qui, come per i romantici, l’inverno diventa qualcosa decisamente più emozionale.  Quello che commuove sempre di Van Gogh è il suo modo di rendere personale e introspettivo ogni soggetto. I disegni in bianco e nero, poi, hanno il potere di enfatizzare l’unicità del suo tratto.

van-gogh-the-church-in-nuenen-in-winter-1883
Vincent Van Gogh, la chiesa di Nuenen in inverno.
van-gogh-winter-garden-1884
Vincent Van Gogh, Giardino d’inverno.

Edvard Munch

Sarà per la mia passione per il Nord Europa o per chissà cos’altro, ma Munch occupa un posto speciale nel mio cuore.

Ogni suo dipinto è un’emozione ed insieme un mondo parallelo, così in questo caso ci porta tra le conifere e le isole della Norvegia, tra il bianco della neve e le tenebre di quei giorni d’inverno in cui il sole non sorge nemmeno. (per chi fosse interessato, ecco un altro articolo sul tema: Il paesaggio dell’anima: il nord attraverso gli occhi di Edvard Munch)

Edvard Munch, winter night
Edvard Munch, notte d’inverno.

Giovanni Segantini

Tornando in Italia, non potevo che citare Segantini e questo suo quadro che risente in pieno della mia amata atmosfera fin du siècle. Non c’è che dire, guardando le opere di questo artista mi sento sempre a casa!

The_Evil_Mothers_Giovanni_Segantini
Giovanni Segantini, le madri del male.

Alfons Mucha

Dopo Segantini, collegarsi con Mucha mi è sembrato piuttosto inevitabile: non siete d’accordo con me?

3alphonse-mucha-the-four-seasons
Alfons Mucha, l’inverno.

Vassily Kandinsky

Kandinsky invece ci regala una versione decisamente più colorata dell’inverno. Guardando i colori della neve però ci si stupisce: le pennellate sono sgargianti ma ci riescono a descrivere un vero e freddo paesaggio invernale.

Vassily Kandinsky, Paesaggio invernale.
Kandinsky Vasily – Winter Landscape

Marc Chagall

Chagall invece trasforma tutto in una fiaba, con il leggero garbo e l’aura di magia che lo contraddistinguono.

Marc-Chagall-Sopra-Vicebsk-Amministratore-generale-dello-Stato-di-Israele
Marc Chagall, Sopra Vicebsk.

Tom Thomson

Per concludere ci spostiamo in America e per la precisione in Canada, con uno dei membri del Gruppo di Sette, un insieme di artisti di cui vi ho già parlato qui, se vi interessa: Quando la natura diventa protagonista: il Gruppo dei Sette e la bellezza dei paesaggi canadesi.

1331408165thomson_northernlights_web
Tom Thomson, Aurora boreale.

Allora, vi è piaciuta questa galleria di quadri? Vi è venuto un po’ di freddo, insieme alla voglia di smarrirsi nella neve?

Ditemi se vi viene in mente qualche dipinto che ho dimenticato!

I mille volti della città contemporanea

“Anche le città credono d’essere opera della mente o del caso, ma né l’una né l’altro bastano a tener su le loro mura. D’una città non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda.

Italo Calvino, Le città invisibili

Oltre ad amare Le città invisibili, adoro questa frase: mi ha sempre affascinato, anche quando ancora non ne avevo colto il significato che credo di capire ora. Sono convinta che racchiuda in sé una grande verità, la chiave di lettura per interpretare e varie raffigurazioni di quello che dall’Ottocento in poi diventa un tema centrale nell’arte e nella letteratura: il paesaggio urbano.

La città assume nuove dimensioni e nuovo rilievo, ma quello che emoziona non è soltanto la geometria dei suoi palazzi, e nemmeno il groviglio di strade che la compone, ma sono le illusioni e gli ideali che le metropoli contemporanea incarna.  Vorrei procedere con ordine, iniziando da un punto di partenza che è il miraggio a cui tutte le città tendono: la Parigi della metà dell’Ottocento, che Hausmann e Napoleone III devastano e allo stesso tempo trasformano in ville lumière, con i suoi boulevards ed il trionfo dei luoghi della borghesia.

Gustave Caillebotte, Strada parigina.
Gustave Caillebotte, Strada parigina.

Qui il positivismo prende piede, nel momento in cui finalmente ci si trova davanti una città di cui andare fieri, con tanto di fognature, scarichi per l’acqua, strade lastricate e vetrine illuminate. Finalmente passeggiare per le vie diventa un piacere oltre che un’occupazione, tra il profumo di caffè e l’intrattenimento del teatro.

Quindi ecco che Gustave Caillebotte ci racconta l’immagine di una città che non perde il suo smalto nemmeno sotto la pioggia, lasciando trapelare un orgoglio che oggi quasi ci riempie di ossequiosa invidia. Poi però il tempo passa e arriviamo al terribile crollo di questa fiducia prima inossidabile, nel momento in cui ci si rende conto che la realtà non segue le rosee aspettative, che i controsensi sono sempre più forti.

E allora ci si aggrappa strenuamente alla chimera del progresso industriale, dell’avanzare della modernità come fine e non come mezzo per arrivare al benessere. In Italia l’emblema di questa esasperazione è il Futurismo, che ci propone una città in cui si elimina tutto ciò che è borghese e a misura d’uomo, vedendo la città come un’insaziabile macchina per l’avanzamento di una nazione sbruffona e guerrafondaia.

Umberto Boccioni, La città che sale.
Umberto Boccioni, La città che sale.

La prima guerra mondiale se non altro ha l’unico pregio di zittire i futuristi, lasciando però spazio ad un profondo e logorante senso di estraneità.

Il povero essere umano si rifugia oltre la realtà, non riuscendo più ad identificarsi nel vuoto culturale e intellettuale di una città inquinata dai fascismi. Ed ecco che Giorgio De Chirico diventa la voce di questa triste epoca storica, o più che la voce posso dire che sia l’occhio ammutolito. 

Nei suoi numerosissimi paesaggi urbani in effetti fornisce l’immagine di una città geometrica e deserta, silente e maestosa, ma allo stesso tempo inaccessibile a qualsiasi forma di contatto.

Giorgio De Chirico, L'enigma dell'arrivo
Giorgio De Chirico, L’enigma dell’arrivo

Potrei proseguire con altri esempi, ma in fondo mi sembra che la storia si ripeta, senza grandi cambiamenti, se si va sotto la superficie delle cose.

Dopo la seconda guerra mondiale la ricostruzione si pone infatti come un nuovo positivismo, sicuramente più contemporaneo e ferito, ma che anche questa volta non raggiunge le aspettative e si lascia dietro tanta insoddisfazione.

E allora si arriva all’esasperazione e al caos più totale, superando ogni limite e arrivando a questi anni Zero (e ormai Dieci) che ci rendono di nuovo estranei, persi in quest’aria di crisi che non è solo economica ma anche interiore ed endemica.