Hokusai, Hiroshige e Utamaro: i miei migliori motivi per scoprire la mostra a Milano

Molto spesso per me scegliere di visitare una mostra equivale ad andare a trovare artisti che già conosco abbastanza bene e che solitamente amo. Un po’ come passare a salutare un vecchio amico, non capita anche a voi di avere quest’impressione?

“Ciao mio adorato Caravaggio, che belli i tuoi ritratti del popolo, chissà se hai finalmente trovato la pace!” – Oppure: “Ciao Vincent (Van Gogh), certo che i tuoi quadri sono davvero commoventi, ma non ti arrabbi a vedere che ora siamo tutti qui in coda per te mentre quando eri in vita nessuno riusciva a capirti?”

Ecco, spero di avere reso l’idea. Tutta questa introduzione è per dire che invece vedere la mostra Hokusai, Hiroshige e Utamaro. Luoghi e volti del Giappone al Palazzo Reale di Milano è stata una grandissima sorpresa. Devo dire che conoscevo già la tecnica di stampa giapponese e alcune opere tra le più celebri, insieme all’ispirazione che hanno tratto dall’Oriente molti artisti europei, come Van Gogh e gli Impressionisti, ma questo è pochissimo se paragonato a ciò che ho visto e scoperto.


Hokusai, Hiroshige e Utamaro. Luoghi e volti del Giappone
katsushika-hokusai-il-santuario-honganji-di-asakusa-a-edo-dalla-serie-trentasei-vedute-del-monte-fuji-1830-1832-circa
Katsushika Hokusai, il santuario Honganji di Asakusa a Edo dalla serie “Trentasei vedute del Monte Fuji”, 1830-1832.

Duecento xilografie, un video che racconta la tecnica e una bella serie di pannelli esplicativi mi hanno guidato attraverso un percorso esaustivo e completo. Si inizia dalla modesta origine di questa forma d’arte per arrivare a parlare dei grandi maestri e delle tematiche più trattate, raccontate attraverso molteplici opere, da me esemplificate in maniera piuttosto scarna nella galleria sottostante (che vi invito a guardare ingrandita con un click).

Le stampe giapponesi di Hokusai e Hiroshige raccontano soprattutto della natura e delle cultura locale: esistono e si possono vedere serie dedicate alle cascate del Giappone, al Monte Fuji, alle stazioni di posta lungo la strada che congiunge  Kyoto (capitale imperiale) a Tokyo (dove ha sede lo shogunato), ai grandi poeti del passato, ai fiori e agli animali. 

La sala dedicata a Utamaro vede invece come protagonista assoluto il ritratto, che nelle xilografie assume sempre tratti essenziali e bidimensionali che secondo me si addicono particolarmente bene agli antenati di chi ha inventato i celeberrimi manga. (E lo dico da amante del genere, non intendevo essere ironica!)


Attraversare le sale espositive significa assistere al perfezionamento delle stampe, mediante l’introduzione di nuovi pigmenti negli inchiostri dall’Europa (come il blu di Prussia, di origine chimica) e l’utilizzo di lastre di legno lavorate in maniera sempre più raffinata.

Credetemi: vale la pena impegnare un pomeriggio libero per rifarsi gli occhi con queste opere stupende che raccontano quello che è stato il mondo di ieri in un Paese complesso e affascinante come il Giappone, una realtà perduta nel momento stesso in cui noi occidentali abbiamo iniziato a conoscerla e ad inquinarla con la nostra cultura.


Bene, che voi riusciate ad andare a Palazzo Reale in tempo oppure no, spero di rendervi felici nel dire che parlerò ancora di Giappone e di stampe, anche perché ci sono degli interrogativi da risolvere, primo tra tutti il seguente: come si realizza una xilografia?

Se volete saperne di più vi consiglio caldamente di non perdervi la prossima puntata 😉  …Nel frattempo se siete già stati alla mostra e volete condividere la vostra opinione sono ben lieta di sentirla!

Advertisements

Torino turistica: le meraviglie del nuovo/antico Museo Egizio

statua museo egizio Premessa

Per iniziare, confesso di non essere affatto un’egittologa, quindi questo non sarà un articolo enciclopedico, ma piuttosto la recensione di una curiosissima amante dei musei che si avventura in questo mondo, popolato nella sua fantasia da mummie, scarabei, templi colossali e geroglifici in abbondanza.

Due parole sulla museografia: rischi e potenzialità

Sono stata spinta a visitare il nuovissimo allestimento del Museo Egizio di Torino (che in quanto a collezione è secondo soltanto a quello del Cairo), inaugurato il 1° aprile scorso, dopo iniziative pubblicitarie fortemente mediatiche che ho apprezzato molto e soprattutto che hanno alimentato moltissimo la mia proverbiale curiosità.

I lavori di rinnovamento museale sono spesso delicati e rischiosi, perché oggi ci si deve necessariamente porre molte domande: quale sarà il pubblico medio? Cosa vogliono o si aspettano di vedere i visitatori? In che misura si può rendere accattivante il patrimonio esposto senza finire per snaturarlo?

Non siamo più nell’Ottocento, quando i mecenati pubblici o privati aprivano le porte delle loro collezioni ad una cerchia strettissima di amatori sicuramente preparati ed interessati. Oggi nei musei ci si trova di fronte a tutta una serie di problematiche, a partire dall’accoglienza di gruppi di visitatori sempre più numerosi che necessitano di una bella serie di servizi accessori (bookshop, caffè, deposito bagagli, servizi igienici, grandi biglietterie…), fino a questioni concettuali, collegate appunto alla scelta di cosa mostrare e di come mostrarlo.

Il rischio delle operazioni di allestimento contemporaneo nei musei di questo genere è quello che il contenitore, le luci e l’atmosfera arrivino a fagocitare il contenuto, o per dirla in modo semplice, che ci si perda negli effetti da teatro e si esca senza avere imparato molto a causa delle distrazioni indotte dall’allestimento. Al contrario, un’esposizione tradizionale risulta noiosa e poco accattivante, quindi il visitatore si annoia e attraversa le sale senza che la sua curiosità venga smossa.

Ecco, nel corso della visita al Museo Egizio di Torino ho riscontrato una piacevole via di mezzo tra i due estremi che ha portato ad un percorso ben strutturato e coinvolgente, dove le didascalie sono equilibrate rispetto al materiale esposto. Per gli amanti del genere, l’audioguida è consegnata gratuitamente insieme al biglietto d’ingresso, quindi è molto difficile uscire senza conoscere cose nuove.

Ma in cosa consiste questo nuovo allestimento?
Il progetto del nuovo allestimento con l'ingresso sotterraneo sotto il cortile e la scala mobile che permette di organizzare il percorso.
Il progetto del nuovo allestimento con l’ingresso sotterraneo sotto il cortile interno e la scala mobile che permette di organizzare il percorso.

Innanzitutto, è stato creato uno spazio sotterraneo in corrispondenza del cortile interno per alloggiare i servizi accessori citati sopra in un ambiente su misura, poi ci si è concentrati nella creazione di un itinerario dall’alto verso il basso che guida il visitatore in ordine cronologico attraverso le principali fasi della civiltà egizia.

Ogni epoca ha le sue stanze dove sono ricostruite tombe a altri spazi così come sono stati scoperti dagli archeologi, utilizzando in alcuni casi anche il potente mezzo dei rendering tridimensionali per ricostruire sepolcri, affreschi e decorazioni. Si fornisce quindi un quadro completo non soltanto delle opere esposte ma anche delle campagne di ritrovamento, descrivendo ed evocando anche l’architettura delle tombe da cui proviene il materiale. Infine, quando ormai il visitatore ha sviluppato una certa conoscenza delle varie dinastie, delle influenze ellenistiche e romane, della valle delle regine e delle mummie, ecco che l’ultima sala abbandona il rigoroso intento didattico per stupire l’osservatore e risvegliare l’ammirazione per la grandezza della civiltà egizia. In una grande sala piuttosto buia e ricca di specchi, sono collocate divinamente imponenti statue di uomini, divinità e sfingi, illuminate in maniera sapiente e spettrale, così da impressionare ed alimentare quell’idea di lusso sfrenato che tutti associamo agli antichi egizi.

Per concludere, allego una serie di fotografie che secondo me rendono l’idea, un po’ scattate da me e un po’ trovate su internet, e consiglio a chi ne ha la possibilità di andare al museo egizio di Torino per trascorrere un pomeriggio diverso dagli altri, perdendosi nelle meraviglie di un popolo affascinante e misterioso, lontanissimo nella storia eppure in qualche modo vicino.