È possibile parlare di morti senza risultare lugubri? Ce lo dimostra Lee Masters coi suoi epitaffi immaginari, che raffigurano tutto un mondo.

Annunci